SEMI DI CANAPA [Cannabis Sativa] e loro proprietà…

IMG_1669
L’introduzione dei semi di canapa sativa nell’alimentazione contribuisce ad innalzare il sistema immunitario, a prevenire malattie cardiovascolari, a ridurre i livelli di colesterolo LDL, a prevenire asma, sinusite, tracheite, artrosi. Proteggono inoltre ghiandole, muscoli e sistema nervoso.
I semi di canapa contengono vitamina E, potassio, magnesio, calcio, omega3 ed omega6 in proporzione ottimale per la regolazione delle attività metaboliche dell’organismo e tutti gli aminoacidi essenziali per la sintesi delle proteine (leucina, isoleucina, fenilalanina, lisina, metionina, treonina, triptofano e valina). Gli aminoacidi rappresentano gli elementi a partire dai quali il nostro organismo è in grado di produrre le proteine necessarie al proprio funzionamento.
Queste caratteristiche rendono i semi di canapa sativa un “vaccino nutrizionale”, alimento che, introdotto nella dieta giornaliera, rinforza e regola la risposta del sistema immunitario, del sistema ormonale e del sistema nervoso nei confronti delle aggressioni dell’ambiente.

Nella dispensa alimentare di DAMADERBE trovi semi interi o decorticati, farina, birra, crema spalmabile, olio, biscotti.

Tutto di CANAPA!
I SEMI DI CANAPA SATIVA A TAVOLA
I semi di canapa possono essere consumati crudi o tostati, semplicemente in aggiunta, come condimento o ingrediente vero e proprio, a piatti come insalate, primi piatti, frullati, macedonie e muesli, Possono essere inoltre utilizzati nella preparazione di pane e dolci (aggiunti in proporzione di 15% sul totale della farina), tenendo conto però che il loro valore nutrizionale viene mantenuto intatto soltanto quando essi sono crudi. Germogliati possono insaporire insalate o trovare impiego nella preparazione di hamburger e polpette vegetali: in commercio è possibile trovare l’Hempeh, un hamburger vegetariano preparato come si fa con il tempeh. Oppure si possono frullare, sempre da soli o con altri semi, in modo da ottenere un composto pastoso dal sapore delicato, che ricorda il burro, da spalmare o da utilizzare come condimento su bruschette o per insaporire i vostri piatti.
Dal seme di canapa si estrae con spremitura a freddo l’olio, che conserva le straordinarie caratteristiche del seme ed è un eccellente integratore alimentare
SEMI DI CANAPA SATIVA E THC
A scanso di equivoci: i semi di canapa sativa non contengono THC (Tetraidrocannabinolo, delta-9-Tetraidrocannabinolo, delta-9-THC) il principio psico-attivo alla base dell’uso della canapa come sostanza stupefacente ricreativa.
I consumatori di cannabis sativa o indica contenente THC (il principio attivo stupefacente), quindi dei derivati della pianta sviluppata dal seme in questione, in forma di spinello o tisana, non beneficiano in alcun modo delle proprietà qui descritte relativamente ai semi e all’olio di semi di canapa.
Sono infatti due sostanze completamente diverse tra loro.
CANAPA E AMBIENTE
La canapa ha un basso impatto ambientale, essendo così efficiente e versatile da poter ridurre il consumo di materie prime già troppo usurpate.
Viene coltivata da 3000 anni e cresce in modo ottimale senza l’impiego di pesticidi o diserbanti. Con le sue radici profonde rigenera il terreno e lo nutre.
È uno dei migliori foto-convertitori di anidride carbonica in ossigeno.
Trova impiego per circa 50000 utilizzi, tra cui:
– prodotti alimentari ed integratori
– cosmesi ed igiene personale
– detersivi per uso domestico bio-degradabili al 100%
– biodiesel (per le autovetture) naturale (negli anni 30  Henry Ford costruì un prototipo di automobile in cui sia la carrozzeria che gli interni e persino i vetri dei finestrini erano fatti di canapa. Quest’auto pesava un terzo di meno e anche il carburante che la faceva muovere era di canapa. Fu la prima auto ecologica, mai più riprodotta per interesse dello stesso Ford, costruttore di auto e petroliere.)
– carta, cartoni, tele
– medicine (cura la depressione, gli stati d’ansia e l’epilessia, l’artrite reumatoide, il glaucoma ed allevia i dolori mestruali.
In Italia non è legale nemmeno per uso terapeutico. Per chi volesse curare in modo naturale alcune malattie può orientarsi verso i paesi europei a noi vicini più sensibili e concreti sulla questione: illegale per uso stupefacente, assolutamente consigliata in ambito socio-sanitario sotto controllo medico).
– combustibile vegetale
– plastica ecologica
– tessuto (è uno dei tessuti più resistenti, completamente naturale e biodegradabile al 100%).

OLIO DI SEMI DI CANAPA
L’olio di semi di canapa è un alimento che si ricava per spremitura a freddo dei frutti della pianta di Cannabis Sativa che lo contengono in percentuali vicine al 30%.
È particolarmente ricco di acidi grassi essenziali polinsaturi della famiglia omega.
il rapporto tra omega 6 e omega 3 nell’olio di canapa è di 3 a 1 rispettivamente, e proprio questo è il rapporto consigliato e confermato dalle ricerche mediche per l’assunzione degli acidi grassi essenziali.
La conclusione di tali ricerche evidenzia che un basso rapporto degli acidi grassi omega 6 / omega 3 è desiderabile per attenuare le complicanze delle malattie cronico – degenerative.
Oltre all’omega 3 e all’omega 6, l’olio di canapa contiene anche la famiglia dei tocoferoli (vitamina E) che sono antiossidanti naturali, nonché i fitosteroli, vitamine e minerali.
L’olio di canapa rappresenta un rimedio basilare, cioè un alimento, che per sua natura può ottimizzare la risposta del sistema immunitario come prevenzione ma anche nella cura di patologie e disturbi che dipendono da squilibri nella omeostasi metabolica ed alterazioni funzionali del sistema immunitario.
L’olio di canapa può essere considerato un “vaccino” nutrizionale, nel senso che, ha tutti gli effetti di un alimento protettivo introducendolo quotidianamente nella dieta.
L’olio di canapa ha un odore ed un sapore gradevole e può essere utilizzato per condire l’insalata, la pasta ed essere sostituito nell’ uso quotidiano agli altri olii di semi.
Il mondo scientifico ammette la straordinaria importanza del consumo adeguato degli acidi grassi essenziali e la ricerca è ancora in continuo sviluppo.
Da uno studio randomizzato in cieco, con l’assunzione dell’olio di semi di canapa, per quattro settimane, in pazienti affetti da dermatite atopica, si è avuto un miglioramento dei sintomi clinici della malattia. Tali risultati sembrerebbero legati al giusto rapporto tra gli acidi grassi essenziali in questo olio.
Con riguardo alle malattie cardiovascolari:
Da studi più recenti, è risultato che la somministrazione dell’olio di semi di canapa:
• Abbassa i livelli ematici di colesterolo non HDL.
• Abbassa i livelli ematici dei trigliceridi.
• Diminuisce il grado di aggregazione piastrinica.
• E’ un agente cardioprotettore dopo un danno al miocardio.
Con l’uso quotidiano di olio di canapa possiamo prevenire in buona parte la progressione di aterosclerosi, agendo direttamente sui fattori di rischio, mantenendo più elastiche le pareti dei vasi senza avere effetti collaterali; se invece è già in atto la terapia con farmaci, l’olio di canapa può dare ulteriore miglioramento del quadro clinico, sempre consultando il medico curante.
L’apporto giornaliero può variare da 1 cucchiaino da tè per la prevenzione a 1 cucchiaio da tavola per due tre volte al giorno come terapia di attacco, seguendo sempre le istruzioni del medico curante nei casi gravi, per avere la risposta ottimale.
La maggior parte degli olii vegetali non contiene il rapporto ottimale di omega 6 e di omega 3 e tende a promuovere l’accumulo di prodotti intermedi che ostacolano il metabolismo degli acidi grassi. L’olio di semi di canapa, al contrario, è correttamente equilibrato e non promuove accumulo di prodotti metabolici.
Si riportano di seguito anche alcune delle proprietà cosmetiche e dei benefici dell’olio di semi di canapa:
•    Contiene elevati livelli di Acidi Grassi Essenziali e Vitamina E
•    Non è untuoso
•    Assorbimento rapido
•    Molto fluido è un ottimo veicolo per altri principi attivi
•    Protegge la pelle dai fattori esterni che causano l’invecchiamento.
•    Idrata e dona morbidezza ed elasticità alla pelle.
•    Rivitalizza e ridà splendore ai capelli sfibrati.
•    Riduce la fragilità delle unghie.
Per queste caratteristiche l’olio di canapa si stà affermando come il prodotto naturale più efficace per combattere il deterioramento e l’invecchiamento della pelle.

[bibliografia: Sicilcanapa]

Segui DAMADERBE anche su:
Condividi #DAMADERBE sui tuoi social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *